A titolo introduttivo: le audioguide e i dispositivi mobili arrivano al museo.

Inizio della storia delle audioguide nei musei.

La storia dell'introduzione dei sistemi di audioguida nei musei è iniziata più di 50 anni fa. Si è evoluto dai sistemi a cassette alla memoria RAM digitale, ai sistemi MP2 e, ancor più, ai sistemi MP3.

In questa zona, lo Stedlijk Museum di Amsterdam è stato uno dei primi a utilizzare, in 1952, una guida manuale per le sue mostre; Quasi un decennio dopo, a 1961, il Museo di storia naturale degli Stati Uniti ha adottato l'uso di audioguide, mentre il Louvre ha fatto lo stesso a 1970 (Kamal, Petrie and Power, 2011).

Primi passi delle Audioguide per 50 anni fa.

Durante i primi anni 35 nell'uso di questo tipo di elementi, Proctor e Tellis (2003) identificano due cambiamenti significativi: il passaggio alle cassette, in 1980, che ha ridotto le dimensioni dei dispositivi. In 1994, dai sistemi analogici a quelli digitali.

Quest'ultimo ha permesso di avere una durata più lunga delle visite, precedentemente limitato a un massimo di 45 minuti.

Negli anni '90, i visitatori hanno potuto scegliere i propri percorsi, ascoltare quanto volevano. Scegli la lingua che preferisci e le visite speciali per un pubblico specifico (Proctor e Tellis, 2003).

Uno dei pionieri nell'introduzione di dispositivi multimediali è stato il Musical Experience Project in Inghilterra, in 1995, mentre nella 2002 la Tate Gallery, nello stesso paese, ha messo a disposizione dei suoi visitatori il primo dispositivo portatile attraverso un progetto pilota che è culminato in 2005 con un piano commerciale (Tallon and Walker, 2008, p. 4).

Evoluzione delle audioguide nei musei negli ultimi anni di 50.

Da allora la tecnologia ha fatto passi da gigante L'utilizzo di dispositivi mobili come iPad, palme e telefoni cellulari con programmi prestabiliti per visite guidate è attualmente molto diffuso. Selezione di opere specifiche da cercare nella mostra del museo, scelta di vari strati di informazioni, tra gli altri, il cui scopo è migliorare l'esperienza del visitatore.

Le audioguide oggi sono state modificate in modo tale che il pubblico salti le tracce, controlli di più la loro visita e ottenga più informazioni, a seconda della loro
gusti.

L'uso di questi dispositivi solleva alcune domande su come influenzano la visita del pubblico e su come le persone apprendono, nonché sull'interazione tra loro e il museo, che ha cercato di rispondere attraverso varie indagini.

La storia dell'introduzione dei sistemi di audioguida nei musei è iniziata più di 50 anni fa.

autore: Monserrat Narváez Naranjo

Pubblicato in Studi su pubblico e musei Volume I. Udienze e musei: cosa abbiamo imparato?

Testo adattato per il blog

Autorizzato dall'autore.

Ulteriori informazioni sulla nuova tecnologia Audioguide